Io sto con Caterina, sempre e comunque.

  Non sono per la vivisezione ma sono contrario ad ogni tipo di crudeltà. È per questo che sto con Caterina. Perché la vita umana è superiore ad ogni cosa. Perché la vita umana va rispettata al di sopra di tutto. Perché la vita umana è sacra. Sono contro ogni tipo di violenza. Augurare la morte ad un essere umano … Continua a leggere

La strage infinita degli Italiani. Lo Stato assassino.

blog 05

  Mio padre è morto di cancro esattamente due anni fa. Mia madre l’ha seguito dopo soli tre mesi per la stessa malattia. Non vivevano in Campania. Ecco perché sono furioso. È gravissimo quello che apprendiamo dal camorrista Schiavone. È grave oltre ogni limite. È sconvolgente. Non è vero che sapevamo tutto. Forse sospettavamo ma non sapevamo, tanto che lo … Continua a leggere

Sesso necrofilo in Egitto? Bufala stratosferica!

  La notizia viene data per prima da Al Arabiya News, sito di informazione relativo al mondo arabo (http://english.alarabiya.net/articles/2012/04/25/210198.html) nella sezione in lingua inglese: parrebbe che il Parlamento Egiziano abbia approvato una legge, subito denominata “Legge del Rapporto di Addio” che autorizzerebbe il marito ad avere un rapporto sessuale col cadavere della moglie entro le sei ore dal decesso. Quotidiani … Continua a leggere

Sventola il tuo Tricolore sporco di sangue ed escrementi

  Non ce l’ho con te, che ti commuovi e prendi le difese dell’indifendibile Priebke. Ce l’ho col tuo schifoso pensiero. Con quel pensiero che mi chiama con disprezzo buonista perché mi commuovo di fronte a centinaia di morti disperati nel Mediterraneo mentre tu li vorresti affondare prima che lo facciano da soli. Ce l’ho col tuo schifoso pensiero, che … Continua a leggere

Il Giornale di Berlusconi e dei suo scagnozzi offende Franca Rame.

  Il Giornale, organo ufficioso della famiglia Berlusconi, diretto da pregiudicati e difficilmente definibile col suo stesso nome, non perde occasione per dimostrare al mondo quanto sia bandiera di gente bieca e ottusa, priva di scrupoli e sensibilità, gretta e volgare. Alla morte di Franca Rame, ieri, sul sito della testata appariva l’articolo che vedete in foto. Non voglio aggiungere … Continua a leggere

Un pensiero a Giorgio Gaber. La Libertà

  Il 1 gennaio  cadeva il decimo anniversario della morte di uno dei più eclettici, istrionici e geniali artisti italiani: Giorgio Gaber. Dico artista non a caso perché Gaber non è inquadrabile in una definizione precisa in quanto ha percorso tutte o quasi le strade che portano un uomo a comunicare il proprio pensiero e il proprio sentire agli altri … Continua a leggere

Martini morente e i talebani dell’ateismo

  Leggo su Facebook la notizia dell’aggravamento delle condizioni di salute del Cardinal Martini. Lo leggo dalla pagina de Il Fatto Quotidiano e leggo anche i consueti commenti che seguono. Non che non mi aspettassi qualcosa del genere ma l’amarezza comunque mi assale. Seppure la maggior parte dei post sia di sostegno e solidarietà al Cardinale morente, ce ne sono … Continua a leggere

Il Giornale specula pure sulla morte di Dalla

  Sempre fedele alla pagina Facebook de Il Giornale guardate cosa trovo?     Io non ho parole. La bassezza di questa gente tocca limiti che l’umana gente non può nemmeno concepire.         Solo che, qualche istante dopo, accortisi dell’immensa figuraccia che stavano facendo, hanno rimosso l’articolo dalla pagina. Devo aggiungere qualcosa? Luca Craia       … Continua a leggere

Sic transit gloria mundi

  Nonostante l’odio – sì, odio, autentico e sincero – che anche io come i molti, come forse tutti nel cosiddetto occidente, ho provato nei confronti del Rais di Tripoli, nonostante lo scempio che questo bieco personaggio abbia fatto del suo popolo in anni di dittatura e negli ultimi mesi di agonia, nonostante la comprensione per le ragioni dei ribelli … Continua a leggere

Dare il sangue per non morire

Morire svenata per difendere il proprio stipendio non è soltanto un fatto di cronaca. Non è soltanto una notizia a effetto per aprire il telegiornale. Non è semplicemente un cronologicamente ultimo brutto segnale della crisi che ci attanaglia. E’ un’allegoria. E’ il simbolo estremo di quello che la classe media italiana deve subire per andare avanti, per sopravvivere. Svenarsi, dare … Continua a leggere